Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando su pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto

Mobilizzazione spinale in posizione sdraiata sul fianco

Dopo gli esercizi di respirazione, la decompressione della colonna, il suo allungamento e perfino la mobilizzazione neurodinamica possiamo realizzare anche delle mobilizzazioni della colonna. Questo può essere realizzato con il paziente disteso. Soltanto per controllare lo stato chinestetico del nostro paziente, per controllare come vanno le cose. Possiamo aumentare il range del movimento in maniera molto semplice. È molto facile per il fisioterapista grazie ai controlli e ai sistemi idraulici.

Possiamo anche mettere il paziente in posizione laterale. In questo viene molto utile l’uso degli appoggiabraccia su cui il paziente può poggiare il braccio e sentirsi comodo. Possiamo poi estendere la gamba così, e anche qui possiamo fare uno stretching del muscolo quadrato lumborum e usiamo il peso della gamba per aiutarci a tirare all’ingiù e avere un allungamento del quadrato lumborum. Avremo un allungamento maggiore se il paziente mette la mano all’insù e noi muoviamo ingiù la sezione della testa. Prendiamo la parte laterale della pelvi e facciamo lo stiramento per rilassare il quadrato lumborum. Allo stesso tempo possiamo usare anche le tecniche manuali e tecniche di trigger point.

Se vogliamo mobilizzare il nostro paziente allora cambiamo le gambe e qui possiamo usare anche un lettino che ci permette di controllare la mobilizzazione della colonna. Io di solito lo faccio con una semplice ondulazione per vedere come si muove la colonna. Come si muovono le natiche. E così possiamo controllare quali segmenti sono bloccati e quali hanno bisogno di mobilizzazione. Possiamo muovere all’ingiù possiamo fare dei piegamenti laterali, possiamo portare sù il ginocchio per aggiungere un po’ di flessione alla colonna. E poi possiamo lavorare su ogni segmento in maniera molto semplice. Un’altra cosa che possiamo fare è abbassare il lettino abbastanza da permettere a noi fisioterapisti di lavorare in comodità. Possiamo bloccare il ginocchio per sollecitare un punto. Possiamo premere con il nostro peso corporeo. Chiediamo un respiro profondo, un’aspirazione profonda. Così possiamo offrire un impulso e c’è una cavitazione nelle giunture bloccate e anche nei dischi..

___

Tutte le tecniche con il lettino Mi.TO, presentate in questo video ed altri della serie, sono descritte con grande dettaglio in un libro. In questa guida potete trovare anche molte altre tecniche e sequenze per diverse patologie, anche per la rigenerazione sportiva. Chinesport e l’Accademia della Postura Globale propongono infine dei corsi di preparazione in tutto il mondo. Entrate in contatto con Chinesport se volete avere anche informazioni sui possibili corsi. Se volete saperne di più sulle sequenze di attività che possiamo fare con il lettino terapeutico Mi.TO: https://www.chinesport.it/go/02160

Per ulteriori informazioni sul mondo Chinesport, visitare il nostro sito Web ufficiale: https://www.chinesport.it

© project by Web industry