Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando su pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto

Scoliosi

L'origine della parola risale all'espressione greca Skolios, che significa "ritorto". La scoliosi è una deformità della colonna vertebrale che si curva lateralmente, in maniera contraria al suo disegno naturale, associata ad una torsione delle vertebre. La curva può essere una sola a forma di lettera C o due a forma di lettera S. Statisticamente interessa mediamente il 3% delle persone, con prevalenza delle femmine rispetto ai maschi (7 su 10). Può avere origine da un vizio di posizione, causato da atteggiamenti compensativi (per esempio la diversa lunghezza delle gambe e la sciatica) e in questo caso non presenta sintomi e ripercussioni sulle normali attività quotidiane, ma nei casi gravi può diventare un problema limitante e doloroso. L'indirizzo scientifico attuale sostiene tuttavia che le cause della scoliosi sono basate su una teoria "multifattoriale", legata cioè a fattori di tipo genetico, muscolare e meccanico, di crescita e neurologico. Nella maggioranza dei casi tuttavia le cause rimangono sconosciute, potenzialmente riconducibili ad un ritardo nella maturazione del sistema propriocettivo e dell'equilibrio posturale, e si deve considerare che se la postura risulta squilibrata lo saranno sicuramente anche i recettori che la influenzano (piede, occhio, articolazioni...).

Condizione indispensabile per una terapia ottimale e una diagnosi precoce, per questo motivo un esame posturale puo' individuare potenziali zone di squilibrio e, dopo accurata analisi dello specialista, evidenziare quali i punti da trattare con opportune terapie di recupero. Interessante l'impiego dello strumento GPS per il controllo delle scoliosi: sicuramente una foto non puo' sostitutire una radiografia ma l'andamento del processo scoliotico puo' essere facilmente monitorato a costo biologico zero senza sottoporre costantemente il paziente a continue esposizioni di raggi X. Il tempo di un singolo scatto fotografico e' di pochi secondi e si puo' richiedere quindi in modo frequente al paziente di sottoporsi ad una visita di controllo che ha come abbiamo detto non ha costi biologici e  a costi economici praticamente nulli. Se le foto non vengono stampate ma vengono solamente memorizzate o trasferite al paziente tramite email il costo tecnico dell'operazione e' del solo tempo impiegato.

 

 
© project by Web industry