Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando su pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto

Piede piatto

E' noto che il piede ha la funzione di base d'appoggio per tutto il corpo e consente di scaricare il peso al suolo oltre a svolgere un ruolo primario nel mantenimento dell'equilibrio e della postura. Normalmente la superficie d'appoggio del piede non è costituita dall'intera superficie plantare, ma è localizza in corrispondenza di tre punti. Gli adattamenti che ne conseguono hanno ripercussioni sulla capacità di carico della colonna vertebrale.

Una semplicistica spiegazione di piede piatto è "appiattimento dell'arco plantare del piede" che può determinare un'anomalia nella distribuzione del peso con conseguente alterazione dei rapporti tra le varie componenti ossee; da qui lo svilupparsi di fenomeni degenerativi e dolorosi.

Generalmente, visto che inizialmente non presenta alcun sintomo, il piede piatto viene diagnosticato solamente nel momento in cui si verificano problemi di postura o se i movimenti provocano dolore oppure in caso di facile affaticamento quando si cammina o in posizione eretta. La presenza del dolore si inizia ad avvertire progressivamente e puo' irradiarsi fino al polpaccio. Successivamente il dolore puo' diventare piu' intenso e cominciano a manifestarsi visibili alterazioni di tipo morfologico con conseguente maggiore difficoltà nell'esecuzione di movimenti di flessione e supinazione del piede e, nel tempo, aumentano le probabilità di problemi di tipo artrosico.

La patologia del piede piatto va sempre inquadrata nell’ambito di una sindrome posturale più ampia, infatti incidendo negativamente sulla postura può comprometterne l'assetto corretto.

Alla comparsa dei primi sintomi un attento esame posturale può evidenziare la causa di tale patologia e, supportata dal consulto dello specialista, permettere di introdurre quei correttivi necessari per ritardare eventuali problematiche piu' importanti a livello scheletrico e muscolare.

 

© project by Web industry