Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Cliccando su pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto

Mal di schiena

I dolori alla colonna vertebrale sono un disturbo piuttosto frequente in quanto la schiena, lavorando continuamente durante tutto il corso della nostra vita, sviluppa patologie che producono il mal di schiena.

Il mal di schiena, (o lombalgia, così detto perchè il peso del corpo si scarica soprattutto sulla zona lombare) consiste generalmente in un dolore lombare di origine muscolare. Può assumere diverse forme e manifestarsi come dolori di diversa natura e localizzazione. Le cause del mal di schiena dipendono anche dal livello di attività e dall’età del paziente.

In quelli più anziani, le patologie dovute ad una fase degenerativa delle ossa (osteoporosi), in concomitanza della compressione delle vertebre, sono la causa più diffusa dei sintomi del mal di schiena.

Nei più giovani invece, nei casi in cui non si abbia un’origine di tipo traumatico, sono quasi sempre facilmente risolvibili. In questo caso nessun tipo di strascico e di conseguenza rimane nel tempo, grazie ad un recupero totale della zona. Importante è definire se il dolore è "localizzato", cioè se si avverte in punti precisi (dove può essersi creata una lesione), o se è "diffuso": in questo caso forse ha origine da un tessuto più profondo; ad esempio se irradia lungo la gamba, come nella sciatica, o se è collegato con qualche altro disturbo, per esempio intestinale; e sia quindi un dolore "riferito", che può essere determinato da un disturbo che interessa l'intestino, o da una colica di fegato, o dalla degenerazione di un disco intervertebrale. Con tutta probabilità è un problema di postura, che può essere risolto, se si interviene tempestivamente, con il supporto di un esame stabilometrico tramite il quale è possibile valutare visivamente la posizione del paziente rispetto ad una posizione ideale. L’esame stabilometrico è uno strumento diagnostico per le valutazioni Posturologiche del paziente e consente di valutare l’efficacia dell’intervento terapeutico dell’Osteopata.

© project by Web industry